STOP AL CO-WASHING!

"Ecco perché negli USA non possono più fare a meno del co-washing per lavare i capelli"

Titola così l'articolo di Elle.it del 31/07/17, in cui viene raccontata la nuova moda importata dagli USA che come è ben spiegato, prevede di utilizzare il solo balsamo per detergere i capelli fragilizzati, secchi o colorati, ma questa pratica fa davvero bene?


Come giustamente fa notare l'articolo, " La questione ruota intorno ai tensioattivi solfati, quei composti chimici usati per fare in modo che i detergenti facciano più schiuma - che dà una bella sensazione di pulizia, ma può anche stressare la fibra capillare: se contiene alte quantità di solfati, lo shampoo che usi per lavare i capelli potrebbe rimuovere, oltre alle impurità, anche gli oli naturali prodotti dalla cute, lasciandoli troppo secchi e poco elastici."

Fin qui nulla di nuovo, ma poi prosegue
"Al contrario il balsamo, che ha una texture cremosa e non deve fare schiuma, ne è naturalmente privo, oltre a essere ricco di ingredienti nutrienti"

Il balsamo però è formulato per l'applicazione sulla fibra capillare, per riempirla e ricoprirla di sostanze come siliconi o proteine di sintesi che servono per dare l'impressione di compattezza e luminosità al capello, ma in realtà essendo occludenti lo disidratano, rendendolo eccessivamente secco, in particolar modo sulle punte

Immaginiamo di mettere quegli stessi siliconi sul cuoio capelluto, cosa può succedere...!?

Se il cuoio capelluto non respira, il primo a soffrirne è il bulbo che risulterà ostruito da un film di siliconi che diminuirà il ricambio cellulare e rallenterà il processo di crescita del capello, con la probabile conseguenza di indebolirlo portando ad una maggiore caduta di capelli

Per evitare tutto questo, se vogliamo capelli belli, nutriti e luminosi scegliamo prodotti naturali privi di sostanze aggressive che danneggiano capelli e cuoio capelluto e ricordiamo:

→ shampoo senza solfati e siliconi SI

→ co-washing NO!