E se mangiare sano non fosse così sano?

Qualche giorno fa sono rimasta molto colpita da un articolo che ho trovato su independent.co.uk dal titolo:

 'CLEAN EATING IS UGLY, MALEVOLENT AND DAMAGING', SAYS EATING DISORDER SPECIALIST

Un articolo molto chiaro e forte che mi ha fatto riflettere e che ho deciso di tradurre e condividere con voi nelle sue parti più significative

"L'ironia del mangiar sano è che nonostante ciò che si propone di essere, ne sono stati rivelati gli effetti dannosi da uno specialista di disordini alimentari"

Il dottor Max Pemberton in una lettera aperta pubblicata sul The Daily Mail, ha rivelato il preoccupante aumento di giovani donne che sviluppano disordini alimentari come risultato di diete restrittive e presumibilmente "più sane"

"Per noi che lavoriamo con pazienti che presentano disordini alimentari, il 'clean eating' - un trend che si concentra sull'evitare cibi lavorati e nel consumare cibi crudi e non trattati - è un'espressione che abbiamo iniziato a temere", scrive.

Pemberton spiega che molte delle sue pazienti donna, non sono in grado di piegarsi sulle ginocchia o di fare una rampa di scale perchè il loro organismo non ha sufficiente energia e di conseguenza iniziano a consumare i loro stessi muscoli per produrne. In alcuni casi, nota, le loro condizioni sono tanto severe da fargli temere per la loro vita e deve immediatamente segnalarle ai trattamenti di emergenza.

Molte di loro hanno anche sviluppato problemi riproduttivi, mentre altre svilupperanno osteoporosi e fratture a causa delle ossa deboli.

In ogni caso, i danni che Pemberton riferisce non sono solo fisici. Molte sviluppano problemi psicologici come la  depressione dovuta alla mancanza di glucosio nel sangue.

"Nel migliore dei casi, il mangiar sano è qualcosa di senza senso mascherato da consiglio di salute. Nel peggiore, viene abbracciato da chi presenta difficoltà psicologiche nascoste e viene utilizzato per giustificare una dieta sempre più restrittiva - con risultati potenzialmente dannosi per la vita stessa," scrive.

Queste diete afferma inoltre Pemberton, non sono nutrienti, "perchè qualsisi dieta basata sull'eliminazione totale di alcuni gruppi alimentari, fallisce sempre"

"Molto tempo prima che il 'clean eating' arrivasse sulla scena", continua, "i medici come me osservavano nei pazienti con disordini alimentari, l'ossessione di mangiare sano. La differenza oggi è che tutto il movimento salutista ha dato loro una vena di rispettabilità. Questo significa che possono facilmente giustificare il loro comportamento non solo con se stessi, ma anche con le proprie famiglie."

Pemberton inoltre crede che tutti coloro che seguono in maniera troppo attenta una dieta 'sana' soffrano in realtà di una forma di disordine alimentare, e sostiene che un simile stile di vita sia sinonimo di ortoressia - un termine coniato per descrivere la mania di mangiare solo cibi sani.

In definitiva, spiega che l'idea di vedere alcuni cibi come 'puliti' e di conseguenza altri come 'sporchi 'è un "modo intrinsecamente disordinato di vedere il mondo".

Link all'articolo originale: http://www.independent.co.uk/life-style/food-and-drink/clean-eating-disorders-ugly-damaging-health-diet-food-pemberton-ella-woodward-a7848381.html?cmpid=facebook-post